Crea sito

  ASCENSIONE.JPG (7270 byte)

Dialoghi di un Faraone XVI

 

La Decisione di Amenemhat

 

8.1.jpeg (38895 byte)

 

Amico(a), come abbiamo visto, Amenemhat ha partecipato :

 (1) alle istruzioni del Sommo-Sacerdote  Sihathor,

(2) alle attività reali

(3) alle istruzioni del barbaro straniero.

In quel tempo, 14.000 anni fà, era a conoscenza del Faraone l'imminente alterazione del ciclo Planetario con le trasformazioni nella frequenza di vibrazione spirituale e mutamenti nella struttura della superficie del pianeta.

Questi cicli sono già stati commentati nelle pagine di questo sito. Egli sapeva che il regno dei sacerdoti negri sarebbe cresciuto nella distante isola di  Poseidone e sarebbe terminato con la distruzione totale della piccola isola e di tutta quella popolazione.

Sapendo questi fatti, egli chiariva i cammini della regina e figlia attraverso istruzioni mirate tenendo in vista i compiti che  Amenemhat avrebbe potuto svolgere nei tempi futuri e per preservare la figlia sulla rotta che l'attuale incarnazione comportava. Egli era deciso di portare la figlia a Poseidone al più presto possibile, ma prima era necessario concludere le istruzioni relative all'installazione degli antichi gruppi dei suoi antenati nell'ISOLA BIANCA ed anche su SHAMBALLA.

barraegipcia.gif (2580 byte)

Nell'ampio giardino del Palazzo, Amenemhat si diverte con piccoli animali presso le sue amate rose rosse ed alcune ancelle, quando una di loro si avvicina per avvisarla che suo padre l'attende lungo i canali d'acqua. Trovando strano quell'invito, in quello strano orario che suo padre riservava alle meditazioni quotidiane, Amenemhat si affretta a cercarlo.

Subito, il Faraone, le dice che il motivo della chiamata era il parlarle della sua iniziazione nel Tempio ed anche delle sue preoccupazioni di Padre, raramente manifestata.

Faraone Nemathap .:"Cara figliola, non è il Faraone che ti parla. Sono tuo padre ed abbiamo molto da dirci l'un l'altro. l'iniziazione che tu stai vivendo non è assolutamente un tuo obbligo. E' iniziata per tua libera volontà ed espresso desiderio che così fosse. Come tu sai, io ed il Sommo Sacerdote non possiamo negare l'iniziazione ai figli di Dio come te".

7112.jpg (20646 byte)

"Ritardiamo al massimo questi momenti, perchè possiamo vedere  oltre le apparenze fino un pò oltre sul futuro che la vita può avere" .

"Tu puoi, in qualsiasi momento, ritirarsi dagli insegnamenti iniziatici più profondi che a breve inizieremo. Per questo, ti chiedo, figlia mia, rifletti sopra questo tuo desiderio di iniziazione. ( Dopo una piccola pausa aggiunge) Vedi bene!"

"Una persona comune dirige solamente alla materia le forze che sorgono dal suo essere materiale. Prova le forze fisiche nel suo corpo, e per lei questo non rappresenta una caduta, poichè manifesta forze al livello dal quale sono venute. le forze materiali rimangono nel livello materiale. L'iniziato negli alti gradi, non sta più lavorando con le forze materiali fisiche, e quando egli dirige le energie elevatamente spirituali al corpo, cade dal suo stato elevato per un bene più basso."

"Quanto più alta l'energia, maggiore sarà la caduta. E' per questo che tu dovrai ricordare che come una iniziata - una volta che tu vorrai divenire una di loro - non puoi fare cose che altre persone fanno con impunità, perchè come iniziata, ti irradi e poni in movimento forze divine, non forze umane."

entrega.jpeg (6097 byte)

"Se dirigi queste forze poderose sul corpo, brucerai i tuoi centri nervosi e precipiterai nelle maggiori profondità, come una cometa che cade".

"Figlia, tu sei una figlia di Dio con tutte le qualità e potenzialità sviluppate extraterrestri della 4° dimensione. Non recepisci, che, mentre tu utilizzi il 20% della tua capacità, gli uomini terrestri utilizzano appena il 10% ?"

"Figlia, ascolta, ciò che ti dico con affetto ! Tutta la tua infanzia ti ho insegnato a prendere le difese psichiche dall'Incosciente collettivo del Pianeta. Una iniziazione di una figlia di Dio, incontra molta maggior resistenza dell'emozionale, psichico, eterico planetario, perchè una iniziazione di questo tipo implica una discesa delle forze spirituali intense sopra un Pianeta che resiste nelle tenebre.  Nel nostro pianeta, noi extraterrestri, eravamo esseri fatti di materia più eterica, ma materia così come l'uomo terrestre. Siamo discesi a questa dimensione per vincerla; e in questo caso, per me e per te viviamo una  iniziazione nel ciclo del Serpente.  Queste energie, nel simbolo del cobra - albero del serpente - , per il suo aspetto superiore,  colloca l'iniziato alla vita di pratica della conoscenza e della sapienza in direzione dell'unità con le forze divine ".

"D'altro canto questo significa pure che se tu opterai per la iniziazione, ora, vivrai le energie iniziatiche regnanti che incitano gli esseri a dar sfogo ai desideri del corpo fisico dentro la forza che dà impulso dello scorpione. Sai che significa questo, figlia ?".

Amenemhat.: "Si, padre, io comprendo. Ma anche così, io sono pronta ad essere iniziata. Per diverse volte ho già manifestato questo desiderio ed ora non c'è motivo per tornare indietro quando sono così vicina."

Faraone Nemathap.:"Figlia, presta attenzione a quanto ti ho detto. I tuoi esercizi preparatori ti svilupperanno al punto che potrai comprendere queste verità. Rifletti con calma !

Pertanto, ora, in piena coscienza, sei in condizioni di darmi una risposta ? "

7.521.jpeg (27414 byte)

Amenemhat ricorda la sua infanzia senza sua madre, la sua gioventù tra i giovani - pure figli di Dio dalla testa allungata come lei, lontano dal convivere con il popolo terrestre ed anche sopra i suoi ultimi giorni, le lezioni di Sihathor., le sue passeggiate con i leoni dai capelli dorati, e - pure con quello strano straniero barbaro con il quale aveva lezioni. Ma il Faraone torna a parlare ed allertare la figlia.

Faraone Nemathap .:"Figlia, tu hai il coraggio di affrontare queste leggi severe, il pericolo e la grande responsabilità ? 7.05.gif (12337 byte)

Desideri ricevere l'iniziazione, o preferisci desistere e vivere sino ad esaurire la tua vita terrena in accordo con le leggi dell'esistenza umana ? Questa è la terza volta che te lo domando, figlia. Rifletti, con calma. (Dopo una pausa aggiunge) Torneremo a parlare quando sarai pronta. Va bene ?!

Dopo alcuni minuti di silenzio, non volendo pensare al senso delle parole di suo padre, Amenemhat, con fermezza e determinazione, risponde :.

Amenemhat.: " Padre dell'anima mia, lungo gli anni sono stata preparata ed ho avuto tempo sufficiente per decidere se devo scegliere il Tempio o la vita mondana. E in questi tre ultimi giorni mi sono concentrata sul problema e niente altro. La mia unica speranza è lo stato divino primordiale. Sono assolutamente determinata ! TI SUPPLICO DI INIZIARMI !

Il Faraone si contiene nel più intimo dei suoi sentimenti, visibilmente  scosso per la decisione di sua figlia. Ma non le ristava altra decisione.

Faraone Nemathap.:"Ebbene sia così . E che Dio possa stare con te mia cara ! "

horizontal rule

Pensieri di Amenemhat.: "Papà mi sembra serio e triste, e vedo nei suoi occhi che è profondamente concentrato in sè stesso. Stà per caso vedendo qualcosa di fatidico nel mio destino ? Egli mi abbraccia, subito dopo mi pone nella sua mano destra, che irradia tanto amore, sulla mia testa e mi  benedice. Io lo abbraccio con tutto l'amore."

horizontal rule

Faraone Nemathap.:"Figlia cara, un grande cerchio della legge del tuo destino che tu hai manifestato e rivelato nel mondo del tempo e dello spazio, si chiude oggi. Saremo ancora insieme per qualche tempo, poichè ti mancano istruzioni sulla storia del nostro popolo. Le  lezioni e le istruzioni con Sihathor così proseguiranno.".

horizontal rule

Il Faraone osserva la figlia, in uno dei suoi rari momenti di affetto paterno, che assorta ammirava le bianche nuvole del cielo egizio, reggendo le sue amate rose tra le mani. 

Il Faraone pensava quanto lei fosse somigliante alla sua madre terrestre malgrado la testa allungata come quella dei figli di Dio. Ella era di fatto bella ! I suoi occhi leggermente tirati senza trucco e i suoi capelli neri senza adorno, rendevano la sua piccola figlia Amenemhat gioiello caro ed amato. Ella era differente dalle altre figlie di Dio, poichè tutto il suo corpo, al contrario delle altre adolescenti ibridi, ella portava la bellezza fisica di sua madre terrestre.  Ma, malgrado i suoi 16 anni, quell'essere aveva antichi compromessi con la Gerarchia e con il Pianeta, differente dei suoi. La trama dei destini, del carma e le scelte dell'iniziazione avrebbero preso la direzione scelta da sua figlia per suo libero arbitrio.

Mai il Faraone era stato in questa contemplazione di  Amenemhat come in questo istante.  Era una immagine bella, il piccolo viso bianco come nuvola. Questa immagine del viso di   Amenemhat rivolto alle nuvole in cielo, il Faraone avrebbe custodito nel tempo, perchè egli sapeva che le scelte segrete del cuore di sua figlia avrebbero potuto separarli per millenni.

horizontal rule

Faraone Nemathap.:"Sarò al tuo fianco, sempre. Se qualcosa ti occorrerà, un dubbio, qualsiasi cosa, ricordati sempre.: Il mio amore per te è infinito ! Il tempo e la distanza, anche se fosse in un'altro mondo, non mi separeranno da te, figlia mia adorata !"

"Ma, il medesimo mio infinito amore, è soggetto alle superiori leggi cosmiche.

Io mai mi separerò da te ! 

Cerca di non separarti da me !"

horizontal rule

Così, il Faraone termina quel colloquio riservato, intimo e amoroso e conferma il seguito delle lezioni di istruzione con lui il mattino seguente al Tempio.

barraegipcia.gif (2580 byte)

la trasmissione dei geni extraterrestri e le caratteristiche fisiche di  Amenemhat , affiorarono nel corso dei tempi nell'essere conosciuto come Nefertari, sposa del Faraone  Amenofis IV , nelle sue figlie ed ancora proseguono sino ai giorni d'oggi.

 

Continua a breve FARAONE XVII

Per favore, aiutaci nella divulgazione del sito ! Grazie !

 

Dialogo successivo

Home Dialoghi di un Faraone La Grande Fratellanza Bianca

(c) 1984 Copyright concetto cammisa - Tutti i diritti riservati