Crea sito

 

DIALOGHI DI UN FARAONE XXXVII

Amenemhat.: ''Dovendo presentarmi ai fratelli a Poseidonis. Stò bene così ?"(Amenemhat mostra a suo padre gli abiti che intendeva portare in viaggio. Trattandosi di un avvenimento noncomune - viaggiare con un gruppo di iniziati e con suo padre in una terra tanto famosa e distante, Amenemhat voleva indossare i suoi migliori abiti imperiali. Un pò di vanità femminile, ellla diceva)

Faraone Nemathap.: "Figlia, tu non vai ad una festa bensì ad un luogo di studio. (Dopo un'esitazione, il Faraone non resistette alla bellezza della giovane e disse ) Sim... venha aqui ! Você está mesmo  linda, minha querida ! Si... vieni quì ! Tu sei proprio bella, mia cara ! Tuttavia, è probabile che ci sarà qualche ricevimento alla notte con l'Imperatore.... Ma, vedi di togliere questi abiti e vai al tempio. Abbiamo ancora qualche tempo ancora ! Stanno preparando i trasporti e prima di andare vorrei tornare  per alcuni minuti con te sull'argomento della tua iniziazione , come promisi."

Amenemhat.: (Al Tempio) "Padre non è corretto indagare i procedimenti che i Sacerdoti usano nella iniziazione e mai discussi Sihathor sopra essi, anche essendo tua figlia. Ma ,resto a pensare come gli altri iniziati stanno passando attraverso tutti questi test !"

Faraone Nemathap.: "Figlia, anche se composta da sette gradi, nella scala delle istruzioni, l'iniziazione non è uguale per tutti, poichè ciascun essere possiede nella sua individualità differenti qualità da sviluppare e differenti mancanze da correggere. Ma,  malgrado differenti nei suoi passi, l'essenza degli insegnamenti è la stessa. Tu sei già in condizioni di fare i tuoi esercizi nel sarcofago, in quanto altri, nella maggior parte, non sono pronti ancora."'

Amenemhat.: ''I test che ho passato nelle prime tappe, gli altri iniziati dovranno ancora passarli ?"

Faraone Nemathap.: "Parli degli esercizi di superamento delle paure ? Si senza dubbio ! Già da molto tempo fà, figlia, il Maestri d'Egitto, stabilirono una forma di accelerare la crescita spirituale attraverso esercizi iniziatici,  facendo sì che l'individuo sperimenti subito esperienze che potrebbero solo avvenire in decine di incarnazioni nella materia. L'incarnazione nella materia al di là di essere un lungo processo di risveglio, possiede il rischio che quando incarnato l'essere incorra in compromessi Karmici ancora."

Amenemhat.: ''Certe volte, in stato alterato di coscienza, l'istruttore mi ha collocato dinanzi ai cobra - uno dei miei punti deboli - e quella situazione era assolutamente reale e vera, poichè di fatto ero dinanzi a diversi cobra velenosi tanto reali come  ora che stiamo conversando."

Faraone Nemathap.: "Ciò che avviene, figlia è che tutte le scene che sorgono in questi stati alterati di coscienza non sono create dall'istruttore. Esse sono parte del tuo incosciente e rappresentano lacune che necessitano di essere superate per proseguire. Così come inevitabilmente sorgeranno in futuro, tu hai l'opportunità di sperimentarli in questi stati alterati di coscienza o sogni come situazioni reali. Tu comprendi che queste scene, nei tuoi "sogni" sono il ritorno di quello che tu hai posto, in qualche modo, in movimento in passato attraverso azioni, parole o atti."

Amenemhat.: ''Ma queste esperienze sono così reali !"

Faraone Nemathap.: "Si, lo sono di fatto. Siamo in condizione di collocar gli iniziati in uno stato di coscienza tale che anche stando in un sogno, egli è totalmente cosciente di sè in maniera lucida e piena. Molto differente del comune sogno in cui gli individui sono passivi a ciò che avviene e molte volte, non vivono nessuna esperienza spirituale e solo riflessi di scene, immagini e interferenze ormonali fisiche ed elettriche del ,cervello. Queste esperienze somatiche non riflettono nessuna crescita spirituale."

Amenemhat.: ''Nel caso io stessi vivendo una esperienza che non fosse solo una debolezza di personalità ma che abbia relazioni Karmiche .... Supponiamo che io riesca a superarla in questo stato di coscienza lucida. Può questo significare che non sarà più necessario sperimentare questa situazione in futuro ?"

Faraone Nemathap.: "Esattamente ! Nel caso degli esercizi iniziatici, quello che è risvegliato è molte volte nell'inconscio. Al tuo superare un riscatto costante nella Legge dei registri Karmici, nello stato lucido della coscienza dell'induzione, non sarà più necessario sperimentarlo nella realtà fisica o in una vita futura.(Parlando lentamente) Vedi, é molto semplice, figlia! il Karma è attratto dall'essere dalle sue lacune spirituali. Quando queste lacune sono completate e risolte, non c'è più niente da attrarre del mondo esteriore, perchè l'essere sarà ad un'altro livello interiore. Il Karma non è frutto di una riscossione divina. Il Karma è solo uno  squilibrio che, all'essere sanato, cessa di esistere".

Amenemhat.: ''Ma, come sono indotta a questo stato di coscienza alterata ? Domando, perchè quando sono nel sarcofago, il Sommo-Sacerdote mi chiede solo di rilassarmi e praticare gli esercizi di respirazione. Quando vedo, già sono distante vivendo le più varie situazioni."

Faraone Nemathap.: "Le tecniche sono ristrette ai sacerdoti, figlia. Ciò che posso dirti adesso, è che quando tu ti stai rilassando ed ossigenando, il tuo corpo fisico è sottomesso alle alte frequenze dell'energia per mezzo dei cristalli. Questa stimolazione dipende da ciascun iniziato e dalla qualità dell'energia e del livello - in un totale di sette - in cui va ad essere lavorata. Con relazione ai poteri dei cristalli e dei metalli come l'oro, parlerò con te e gli altri del gruppo a Poseidone."

Amenemhat.: ''Padre mio, non pensi tu che io sono preparata per sperimentare il settimo ed ultimo livello ?"

Faraone Nemathap.: "Tu non sai cosa chiedi !"

Amenemhat.: ''Cosa avviene agli umani comuni che non passano per una iniziazione ?"

Faraone Nemathap.:"La vita corporea è di per se stesso una iniziazione. Ogni giorno, l'essere umano si incontra con situazioni carmiche, ora manifestazioni esteriori di lacune interiori, ora situazioni di test o di dominio delle acquisizioni spirituali  per le sfide della vita materiale. Per l'uomo incarnato comune, le gerarchie amministrano con attenzione questi eventi in accordo con le capacità di ciascuno. In questo caso, il risveglio della spiritualità, tuttavia impiega millenni. .(Pausa) Figlia, c'è tutto questo lungo viaggio doloroso nella materia, per la grande parte dell'Umanità, è risultato dell'oblio della divinità interiore. E senza appoggio alle gerarchie, gli uomini camminano da soli con maggiore difficoltà.. Basterbbe, però che al risveglio di ogni giorno, l'uomo terrestre considerasse la possibiltà di essere osservato dai suoi istruttori - il che è una verità - perchè la sua esistenza mutasse completamente in tutti gli aspetti, che non si sentirebbe tanto solo ed eviterebbe cadere in compromessi maggiori ancora."l

Amenemhat.: ''Ma..."(Il faraone è informato che i trasporti sono pronti)

Faraone Nemathap.: "Va bene !  Andiamo a Poseidone adesso !

 

Amica (o),

ricordiamo che la vita della regina di 16 anni – Amenemhat - si concentra in 3 momenti fondamentali:

(1)Nelle istruzioni del Sommo Sacerdote e dei Maestri della Grande Fratellanza Bianca: In queste istruzioni, abbiamo visto i Discorsi dei Maestri nell'Isola Bianca sulla presenza delle Gerarchie sin dalla loro fondazione e molti altri grando discorsi come quello di Sanat Kumara, quello del Manu della nostra razza sulla formazione della razza e del Sommo Sacerdote sulle Gerarchie extraterrestri;

(2) Nelle regressioni e studi del faraone, suo padre, sull'origine dei popoli che formarono la nostra attuale razza ariana: Abbiamo visto diverse fasi della formazione del globo terrestre e le belle parole di Amaryllis - lo Spirito di primavera - su Angeli, Arcangeli ed esseri elementali. Sulla formazione dei popoli sulla superficie delle Terre, le istruzioni  già abbordarono sin dai primordi sino a quelle relative all'inizio della razza ariana a partire dall'Isola Bianca nella Città del Ponte 60.000 anni fà. Queste lezioni avranno seguito a breve, quando vedremo la formazione del Popolo Arabo, Indù, Germanico, Iraniano, Celtico etc...

(3) Attraverso la routine quotidiana 14.000 anni fà nell'antico Egitto. Abbiamo visto la descrizione dell'Egitto di quell'epoca quando il Faraone descrive l'eredità extraterrestre di sua figlia tra gli altri.  E' questo il tema di questo Dialogo che ora portiamo in sequenza dei nostri studi.

Nel prossimo capitolo, le istruzioni del Faraone si daranno nella Città di Poseidone 14.000 anni fà.  In una sintesi della realtà mondiale, possiamo dire che l' Isola Bianca nel Mare dei Gobi era disabitata, ma ancora possedeva grandi Templi dove eventualmente piccoli gruppi si riunivano per celebrazioni.

Vale ricordare che l'entrata principale dell' ISOLA DI POSEIDONE  ricordava l'entrata dell' ISOLA BIANCA, poichè ambedue possedevano una piattaforma di atterraggio di navi nel porto, insieme alle imbarcazioni e dietro c'erano colline e montagne dov'erano localizzati i Templi Principali.

L'attuale deserto dei Gobi ancora possedeva mare. In Egitto già esistevano le due grandi Piramidi, ma ancora non esisteva la Sfinge. L'Himalaya erano alti; le terre al sud dell'India erano in parte inondate. C'era il mare del Sahara in Africa e l'Egitto e il Marocco erano come isole distanti. Esisteva tuttavia la Siberia e l'Asia centrale. 

L'istruzione collettiva con gli Iniziati, incluso Amenemhat, era dovuto al fatto che già era di conoscenza dei Sacerdoti e del Faraone, delle prossime trasformazioni sulla superficie della terra con l'arrivo di un corpo celeste sulla terra. Questo evento avrebbe provocato immense onde marine in varie parti del Pianeta, potendo raggiungere l'Egitto con inondazioni del mare del Sahara. Ancora non era conosciuta la traiettoria di questo corpo celeste quanto al passare prossimo alla terra o colpire il pianeta. (I registri della scienza attuale parlano solo di una grande inondazione in questo periodo). Gli iniziati allora, stavano ricevendo tutte le informazioni possibili sulla cultura dell'epoca affinchè i registri e il progresso delle sue civiltà fossero protetti. Altri motivi  erano in relazione alla forma di governo in poseidone che malgrado fosse al suo apice, avrebbe a breve affrontato mutamento di potere per mano di guerrieri atlantidi. Dettagli sulle altre civiltà in quel periodo di 14.000 anni, verranno nel corso dei dialoghi. 

La piccola aereonave trasportava il piccolo gruppo di iniziati e il faraone nella visita a Poseidone.Questi apparecchi viaggiavano ad una altezza di pochi centinaia di metri (più o meno 300 metri), poichè l'aria rarefatta non permetteva punto d'appoggio per lo spostamento. Gli apparecchi tanto erano di aria come di mare, avendo un funzionamento simile. Era usata la combinazione di due metalli bianchi ed un metallo rosso che produceva un terzo come una lega simile con l'alluminio ben più leggero; che modellato per battuta si ricomponeva senza mostrare segni e che brillava nell'oscurità.

Avvistarono l'Isola di Poseidone. L'entrata somigliava di più a moderne costruzioni futuriste. Le grandi colonne erano frequenti nell'Alto delle Montagne e nei Templi Dorati. Si, di fatto, c'erano somiglianze nella formazione geografica tra Poseidone e l'Isola Bianca - pensava la figlia del Faraone. Amenemhat aveva sentito molto sulla distruzione della grande isola che era lì, così come sulle misure della Gerarchia planetaria sul condurre gli Atlantidi SEMITi  in direzione dell' EGITTO millenni orsono. 

horizontal rule

CONTINUA

Abbiamo molto bisogno della tua collaborazione per far conoscere agli altri i messaggi dei Maestri Ascesi ! Aiutaci nella Divulgazione conforme le tue possibiltà !

Dialogo successivo

Home Dialoghi di un Faraone La Grande Fratellanza Bianca

(c) 1984 Copyright concetto cammisa - Tutti i diritti riservati